Asseverazione di perizie e traduzioni

AVVISO DAL TRIBUNALE DI VITERBO E GIUDICE DI PACE

COS'E'

Il servizio si occupa di gestire le richieste di giuramenti di perizie e di traduzioni, ovvero di quegli elaborati scritti, relativi a questioni tecniche, che presuppongono in chi li ha redatti il possesso di cognizioni tecnico-scientifiche e che vengono giurati davanti al cancelliere nei casi in cui sia previsto da disposizioni normative.

A COSA SERVE

Il servizio risponde all’esigenza di dare valore tra privati o tra privati e la Pubblica Amministrazione alla perizia stragiudiziale e alla traduzione, per mezzo del giuramento davanti al Cancelliere.

ATTENZIONE!!! Non si effettuano le traduzioni ma si  assevera il giuramento del traduttore per cui occorre trovare un traduttore, il quale giurerà dinnanzi al cancelliere.

Questo servizio può intervenire rispetto a molteplici bisogni quali ad esempio:

  • richiesta della cittadinanza italiana;
  • richiesta di traduzioni di documenti per le trascrizioni sui registri civili dei comuni;
  • richiesta di una perizia giurata , nell’ambito di un procedimento, da parte di un perito iscritto all’albo.

CHI

Nel caso delle perizie i liberi professionisti iscritti all’Albo o al Collegio della propria professione

Nel caso dei traduttori, questi possono essere sia persone iscritte agli albi del Tribunale e/o alla Camera di Commercio, sia persone non iscritte, ma comunque diverse dall'interessato, nè parenti nè affini.

Nel caso della richiesta della cittadinanza italiana occorre che l’interessato sia un traduttore iscritto all’albo del Tribunale

COSA DEVO FARE PER

Per l’asseveramento delle traduzioni:

È necessario avere: 1) documento che si traduce 2) traduzione, 3) verbale di giuramento (devono essere uniti, mediante spillatura, rilegatura o altro in modo da formare un unico atto;

il traduttore deve firmare le congiunzioni di tutti i fogli della traduzione, a partire da quella che unisce l’ultima facciata del documento tradotto, con la prima facciata della traduzione, ad eccezione della pagina che contiene il solo giuramento. 2) nel caso in cui venga omessa la traduzione di alcune parti del documento, si deve specificare esattamente, prima della traduzione e nella stessa lingua, quali parti non sono state tradotte; 3) i timbri contenuti nel documento da tradurre devono essere descritti e tradotti, come pure le firme: se poco chiari, occorre precisarlo con espressioni tipo “timbro illeggibile”, “f.to illeggibile”, nella lingua della traduzione. Anche le foto e le marche devono essere menzionate dal traduttore (es. foto dell’interessato”, “marca da …. ” ); 4) E’ consentito il giuramento di atti nominativamente intestati al traduttore, salvo accettazione da parte dell’ufficio/organismo ricevente; 5) Non è consentito tradurre da una lingua straniera ad un’altra lingua straniera: il traduttore dovrà comporre l’atto, nell’ordine: *documento in lingua straniera, **traduzione in lingua italiana + 1° giuramento, ***traduzione nell’altra lingua straniera + 2° giuramento.

Per l’asseveramento delle perizie:

I fogli della perizia, del giuramento e degli eventuali allegati, devono essere uniti mediante spillatura, rilegatura, od altro; Il perito deve “autenticare” la perizia, apponendo la propria firma e timbro nelle congiunzioni di tutti i fogli, ad eccezione della pagina che contiene il solo giuramento. (N.B.: la numerazione delle pagine, tutte timbrate e firmate dal perito, sempre esclusa la pagina del giuramento, sostituisce la firma sulla congiunzione dei fogli).

MODULISTICA

disponibile sul sito www.tribunaleviterbo.it

COME FUNZIONA

A decorrere dal 01 ottobre 2019 e fino a nuova disposizione, il servizio viene erogato dal Tribunale e dall’Ufficio del Giudice di Pace in via sperimentale su appuntamento, da prendere tramite i servizi on line di questo stesso sito, previa registrazione. Il sistema rilascerà una ricevuta di prenotazione, garantendo in tal modo una gestione ordinata, fluida e puntuale, senza code nè tempi morti di attesa. Accedendo all'agenda elettronica di cui ai servizi on line, nell'ambito della singola prenotazione potranno essere prenotati tre atti ed ogni utente potrà prenotare un massimo di dieci appuntamenti, per un totale di trenta atti. Oltre il decimo appuntamento, non sarà possibile prenotare quello successivo fino allo spirare del più vecchio. Inoltre, attraverso la compilazione di moduli web, sarà necessario indicare sempre CHI assevera e per CHI. I dati indicati nel modulo web verranno riportati sul verbale di asseverazione.

Accedi all'area riservata

Il perito che ha redatto l'elaborato o il traduttore che ha redatto la traduzione del documento deve presentarsi personalmente davanti al Cancelliere, mostrare la ricevuta attestante la prenotazione e firmare un apposito verbale (redatto tramite il servizio on line) dopo avere giurato di aver bene e fedelmente assolto l'incarico affidatogli. La perizia o traduzione asseverata deve riportare nell'ultima pagina, prima del giuramento, la data in cui è stata redatta e la firma del perito o traduttore: la data va riportata anche sul modulo di giuramento.

La documentazione depositata viene vagliata e timbrata dal cancelliere.

La documentazione relativa al giuramento va composta nel rispetto della sequenza sotto indicata:

  • PERIZIA: 1) testo della perizia 2) verbale di giuramento 3) allegati
  • TRADUZIONE: 1) testo originale 2) traduzione 3) verbale di giuramento

A CHI RIVOLGERSI

Referente Tribunale: ANNUNZIATA PORPORA

Sostituti del servizio Tribunale: Orlandi Massimiliano; Scarvaglieri Chiara

Referente Ufficio Giudice di Pace: Wilma Catteruccia, Cinzia  Mezzetti, Elisabetta Cherubini, Cristina Fontana

DOVE

Primo piano, ala B, stanza 29 del Tribunale

Ufficio del Giudice di Pace​

ORARI DI APERTURA

a decorrere dal giorno 01/10/2019 e fino a nuova disposizione il servizio verrà erogato nelle giornate di MARTEDI’ dalle 09.00 alle 11.00 per l’Ufficio del Giudice di Pace e GIOVEDI’ E VENERDI’  dalle ore 9.00 alle ore 11.00 presso il Tribunale. Durante il periodo di sperimentazione, quanti non provvederanno alla prenotazione da remoto saranno posposti nell’ordine di erogazione del servizio. Gli utenti, per usufruire del servizio e beneficiare della priorità, dovranno obbligatoriamente ricorrere ai servizi on line presenti su questo stesso sito.

ASSISTENZA LEGALE

Non necessaria

COSTI

Marche da bollo da € 16,00 a partire dalla prima pagina della perizia o traduzione.  Si ricorda che le marche vanno apposte, in ogni caso ogni 4 facciate (anche di una riga ciascuna) e, comunque, ogni 100 righe (indipendentemente dal numero delle pagine). Per cui se, ad es., in tre pagine si superano le 100 righe, si dovrà pagare la suddetta marca. Naturalmente, anche se, ad es., in 5 pagine il totale delle righe fosse inferiore a 100, andrà, comunque, apposta la marca di € 16,00, sia sulla prima facciata che sulla quinta.

Nel calcolo delle pagine va considerato anche il verbale di giuramento.

Nel calcolo delle pagine, inoltre, ai fini dell’apposizione della marca da € 16,00, vanno considerati anche gli allegati se inseriti prima del verbale di giuramento.

Per gli allegati posizionati dopo il verbale di giuramento si applica l’imposta di bollo (prevista dall’art. 28 parte 2 Tariffa allegato A –parte seconda- D.P.R. 642/72 e succ. modd.) con le modalità specificate di seguito:

  • € 0.52 su ciascun allegato “elaborato originale” del perito( per es.: € 0,52 per ciascun disegno, € 0,52 per ciascuna fotografia, anche se riprodotta in fotocopia, ecc.. );
  • € 0.52 ogni 100 righe nell’ipotesi che l’allegato contenga elenchi, calcoli, computi metrici, ecc…;
  • € 0.52  su ciascuna fotocopia di documenti rilasciati da altri uffici, se autenticata dal perito con timbro personale e firma.

Nulla è dovuto per semplici fotocopie od altri documenti.

Le perizie esenti da bollo per legge (come, ad es. nel caso di adozioni, borse di studio, divorzio, lavoro e previdenza, ecc..) devono riportare sul verbale di giuramento gli estremi della legge che prevede l’esenzione.

TEMPI

l’atto asseverato viene immediatamente riconsegnato

NORMATIVA

R.D. 1366 del 1922 (art. 5) - R.D. 2011 del 1934 (art. 32) - D.M. 04/01/1954